RESIDENCE "CAVA LI SANTI" – Nardò (LE), loc. S. Caterina 


Recuperare e valorizzare le vecchie cave di tufo dismesse è oggi un tema quantomai attuale in Puglia. Le vecchie cave dismesse rappresentano infatti notevoli peculiarità ambientali e paesaggistiche che giacciono però spesso abbandonate, e per le quali è necessario ripensare e reinventare un utilizzo.

E' indispensabile un approccio progettuale improntato alla massima sostenibilità ambientale, pensando e progettando non più sul territorio, ma col territorio e in armoniaintegrazione con esso.



Nel caso specifico, l’idea è quella di un elemento di completamento e caratterizzazione all’interno di un insediamento a vocazione turistica-ricettiva. La cava diventa così un valore aggiunto, un testimone del passato ripensato oggi come marchio distintivo di un complesso edilizio residenziale.

L’intervento edilizio ha previsto la realizzazione di tre corpi di fabbrica ad uso residenziale e dislocati a debita distanza dalla cava esistente, si’ da esserne complemento e integrazione e non sovrapposizione o aggiunta.

I materiali di finitura utilizzati, nello spirito della sostenibilità ambientale e paesaggistica e dell’integrazione col contesto che guida tutto il concept progettuale, sono il legno (per porticati, frangisole e altro) e la pietra (per rivestimenti e facciate).

Brevi percorsi pedonali immersi nel verde di un rigoglioso uliveto collegano ed armonizzano tutto il complesso edilizio.


Foto Edificio

Rendering, grafici e disegni esecutivi